EventiNews

Le biotecnologie ambientali valorizzano ambiente e lavoro

Posted at 21 marzo 2018 | By : | Categories : Eventi,News | Commenti disabilitati su Le biotecnologie ambientali valorizzano ambiente e lavoro

Le biotecnologie sono il futuro: questo è stato il punto di partenza e di arrivo del Convegno “Coltivare le biotecnologie ambientali” organizzato da Edizioni Green Planner il 21 febbraio nell’ambito della fiera MyPlant & Garden.
L’incontro, moderato da M. Cristina Ceresa, direttore di Green Planner, ha evidenziato attraverso gli interventi dei partecipanti l’importanza crescente del settore delle biotecnologie ambientali nel nostro Paese e in Europa. Un ambito che offrirà molte opportunità di sviluppo per la ricerca e per le professioni valorizzando creatività, ingegno e capacità.

Davide Ederle di ANBI (Associazione biotecnologi italiani) ha illustrato i dati di mercato e le prospettive di questa disciplina che ha ormai una storia consolidata in Italia e che oggi è giunta a un cambio di paradigma.
Attualmente il valore della bioeconomia in Unione Europea ha raggiunto 600 milioni di euro, di cui il 12% prodotto dall’Italia, in linea con gli altri Paesi membri. Esiste però ancora un gap fra il mondo della ricerca e il mondo del lavoro come ha evidenziato Lanfranco Masotti docente universitario e presidente del Consorzio Italbiotec.

Una ricerca in stadio avanzato sul riciclo degli scarti agro-alimentari è quella dell’Università di Pisa, illustrata da Annamaria Ranieri che sta portando a termine alcuni studi sul riciclo degli scarti alimentari (in particolare dal carapace dei crostacei) per migliorare la qualità e i tempi di conservazione di frutta e verdura.

C’è chi invece ha puntato l’attenzione sulla canapa, una pianta storicamente molto presente in Lombardia come ha spiegato Nicoletta Ravasio del CNR e dalle molte risorse. La coltivazione della canapa è ecologica, infatti non necessita di erbicidi e ha la capacità di bonificare i terreni. L’olio dei semi di canapa l’olio è utilizzato come componente delle bioplastiche e delle resine acriliche.

Bianca Colombo ha illustrato gli studi che sta svolgendo da circa tre anni con il suo professore Fabrizio Adani dell’Università degli Studi di Milano sul riciclo dei rifiuti solidi urbani e degli scarti dell’industria lattiero-casearia. Questi studi si sono concretizzati in progetti finanziati da Fondazione Cariplo e Regione Lombardia e i materiali sono utilizzati dalla giovane società Agromatrici per sviluppare prodotti di design, come ha spiegato Elena Casaletta.

In chiusura Ilaria Re di Italbiotec ha sintetizzato lo stato dell’arte del settore delle biotecnologie. In vent’anni sono stati realizzati oltre 100 progetti in Italia ed è necessario incentivare la ricerca e collegarla al mondo dell’industria.

Al termine del Convegno sono stati estratti a sorte due paia di occhiali da sole eco-friendly di neubau eyewear realizzati in naturalIPX un polimero biodegradabile derivato dai semi delle piante di ricino (www.neubau-eyewear.com); un bell’esempio di ricerca su materiali biologici applicata allo stile e al design.

rassegna stampa rass stampa 21 febbraio 2018

Comments are closed.